Notizie

Giochiamocela! Insieme per la raccolta differenziata…anche a scuola

Quando sono i ragazzi a dare il buon esempio!

Si sono conclusi giovedì 16 maggio, con l’evento finale tenutosi ai Giardini Pubblici, i laboratori gratuiti di educazione ambientale proposti anche quest’anno alle scuole di ogni ordine e grado del Comune di Sassari. I laboratori sono stati parte integrante del Piano della Comunicazione di Igiene urbana e sono stati realizzati in collaborazione con l’Assessorato all’Ambiente, l’ATI – Ambiente Italia S.r.l. – Consorzio Formula Ambiente, con TaMaLaCà S.r.l e con l’Associazione Naturalistica e Culturale ECO_logica_MENTE.
Negli stand, allestiti per l’occasione, gli studenti delle scuole medie (I.C. Tola, I.C. Farina e I.C. San Donato) e superiori (ITI Angioy e Polo Tecnico Devilla), hanno potuto verificare le conoscenze apprese attraverso giochi, quiz e percorsi di approfondimento pensati appositamente per loro. Come il torneo finale del Quizzone di “Giochiamocela!”, ad esempio, che ha visto vincitori la 2°E dell’I.C. Tola e la 3°D dell’Istituto di Istruzione Superiore Devilla, classi che hanno ricevuto come premio biglietti omaggio del Cityplex Moderno. Nel corso della mattinata tutti gli studenti hanno anche cercato di risolvere “Il giallo del bidone giallo”, un misterioso caso di GUILT Sassari.

Durante i mesi di attività dei laboratori, alcune classi delle scuole medie e superiori sono state coinvolte nell’ideazione e realizzazione di alcuni elaborati di comunicazione non convenzionale, pensati per coinvolgere gli abitanti di Sassari in azioni di sensibilizzazione e informazione sulla raccolta differenziata dei rifiuti. I prodotti da loro realizzati sono stati presentati nelle settimane precedenti la manifestazione attraverso l’organizzazione di piccoli eventi e incursioni ludiche, per poi essere diffusi nei canali social della campagna di comunicazione (Facebook e Instagram). Le classi 3°A e 3°B – indirizzo Chimica dell’ITI Angioy, per esempio, sono state protagoniste del contest canoro #unacanzonepertrash: dopo aver adattato i testi di due canzoni famose al tema della raccolta differenziata e averle interpretate in due videoclip, gli studenti hanno dato vita a una vera e propria sfida all’ultimo “like” per incoronare la canzone migliore. Con un punteggio di 294 contro 264, a vincere è stata la classe 3°B, che si è aggiudicata il disco d’oro di “Giochiamocela!”, consegnatole durante la manifestazione finale. La classe 3° è stata invece premiata per miglior testo prodotto (per vedere i videoclip e ascoltare le canzoni potete visitare il canale youtube Differenziata Sassari).

I laboratori. I percorsi formativi, attivati per l’anno scolastico 2018/2019, sono partiti nel mese di gennaio e hanno coinvolto 30 classi e 12 scuole. “Il mio Speciale amico: AMBIENTE!” è stata la proposta educativa per le scuole primarie. Il progetto, che si è svolto da gennaio ad aprile, si è basato su contenuti etici dell’Educazione Ambientale, non solo in senso conoscitivo, ma come promozione al cambiamento negli atteggiamenti e nei comportamenti, sia a livello individuale che collettivo. Attraverso un percorso di laboratori festosi e divertenti, si è cercato di sensibilizzare gli alunni sulle tematiche dei rifiuti e, di conseguenza, sulle responsabilità familiari quotidiane. Lo scopo è stato educare al rispetto dell’ambiente – che sia domestico, scolastico, urbano o naturale – e valutare comportamenti etici finalizzati allo sviluppo sostenibile. “Giochiamocela! Insieme per la raccolta differenziata…Anche a scuola” è stata, invece, la proposta educativa per le scuole secondarie di primo grado e secondo grado. Il programma ha utilizzato lo stesso approccio che caratterizza la campagna di comunicazione non convenzionale omonima: attraverso l’uso combinato di un approccio ludico, di gamification, di storytelling e di nuove tecnologie, gli alunni hanno seguito un percorso di formazione e sensibilizzazione e sono stati invitati a “mettersi in gioco” per migliorare la quantità e la qualità della raccolta differenziata.
Le attività si sono articolate in moduli educativi e pratici: oltre a far riflettere gli alunni sulle modalità di differenziazione dei rifiuti solidi urbani e sui problemi e le difficoltà riscontrate da molti cittadini, con conseguenze importanti sull’intera collettività, gli studenti stessi, guidati da esperti e attraverso l’ideazione e la realizzazione di alcuni prodotti (ad esempio flash mob, tutorial, jingle, manifesti o volantini pensati per intercettare target particolari), hanno potuto collaborare attivamente alla campagna di comunicazione “Giochiamocela! Insieme per la raccolta differenziata”.

Il calendario degli eventi, che hanno visto la partecipazione attiva degli studenti alla campagna, è stato ricco e variegato.

  • #lafermataenigmistica: mercoledì 27 marzo, gli studenti della 2°D dell’IC Farina, hanno cambiato volto alla fermata ATP di viale Italia (fronte UPIM) grazie all’affissione di cruciverba e quiz creati appositamente per chiarire, in modo divertente, alcuni dei dubbi più comuni sul corretto conferimento dei rifiuti. Successivamente hanno invitato i passanti a “mettersi in gioco” con loro e ad unirsi alla squadra di “Giochiamocela! Insieme per la raccolta differenziata”.

  • #vedichiparla – prima parte: venerdì 5 aprile, in piazza Fiume, grazie alla classe 3°C, indirizzo Architettura, del Liceo Artistico “F. Figari”, la statua di Enrico Costa ha potuto dire la sua sul fenomeno del littering (abbandono dei rifiuti), ricordandoci che a volte, con un minimo sforzo da parte di tutti, si possono ottenere risultati significativi. Prima del posizionamento dell’installazione (un cartello a forma di fumetto), gli studenti hanno dato vita ad una rubbish walk (letteralmente “passeggiata spazzatura”), raccogliendo e differenziando durante il percorso dalla scuola a piazza Fiume tutti i piccoli rifiuti abbandonati.

  • #unasettimanaparticolare: da mercoledì 10 aprile a mercoledì 17 aprile, al termine di un percorso incentrato sulla quantificazione dell’impronta ecologica della classe e sull’individuazione delle possibili soluzioni adottabili per ridurla, la 2°D dell’IC Farina si è data una settimana di tempo per diminuire la quantità di rifiuti prodotti attraverso l’adozione di piccole abitudini “ecologiche”. Per agevolarli nell’impresa, sono state consegnate a tutti gli studenti e le studentesse le borracce di “Giochiamocela!”.

  • #vedichiparla – seconda parte: venerdì 3 maggio i ragazzi della 3°D dell’Istituto di Istruzione Superiore Devilla hanno dato voce alle tante gomme da masticare che stazionano da anni nei marciapiedi di Sassari. Le strade e le piazze delle nostre città sono costellate di antiestetiche macchie multicolore, così onnipresenti da essere ormai diventate quasi invisibili. A “valorizzarle” e a renderle evidenti ci hanno pensato gli studenti dando vita, nei portici di piazza Castello, a un singolare flashmob: dopo aver ideato e realizzato in classe dei piccoli fumetti, li hanno collocati per terra, dando idealmente voce alle centinaia di chewing gum che abitano la città.

  • #ilquizzonedigiochiamocela: sabato 11 maggio, all’Emiciclo Garibaldi, la classe 3°D dell’IC Farina ha coinvolto i clienti del mercatino della Coldiretti facendoli giocare ad un’edizione speciale del Quizzone di “Giochiamocela!”, con domande pensate esclusivamente da loro. In contemporanea, l’attività è stata accompagnata dall’orchestrina della scuola, che ha animato la mattinata con strumenti musicali realizzati con materiali di riciclo e verdure di stagione.

  • #unacanzonepertrash: dal 6 al 12 maggio, il contest canoro che ha visto antagoniste le classi 3°A e 3°B – indirizzo Chimica dell’ITI Angioy.